Parrocchia di Sant'Ippolito - Roma
   

Le informazioni
Parrocchia
Cardinale Titolare
I Sacerdoti
Il territorio
La chiesa
    Il tabernacolo
    L'ambone
    Il fonte battesimale
    Il crocifisso
    Gloria di S. Ippolito
    Miracolo di S. Chiara
    S. Lorenzo da Brindisi
    S. Francesco di Assisi
    Madonna di Lourdes
    Graffiti
    Vetrate istoriate
    Via crucis
    Le statue
    Le campane
Porziuncola Parrocchiale
Centro di Ascolto Caritas
Biblioteca parrocchiale
Cappellina S. Giuseppe                       (Staz. Tiburtina)
Il Logo
I Calendari parrocchiali
Donazioni alla Parrocchia
Trasparenza
Il tabernacolo

Con una posizione preminente, posizionato direttamente sull'altare maggiore alle spalle della Mensa Eucaristica, il tabernacolo risulta essere ben visibile da ogni posizione all'interno della chiesa, permettendo a chiunque entri di individuare immediatamente il luogo della custodia eucaristica.
Eretto nel settembre del 2010 su richiesta del parroco Don Mauro Cianci e del Consiglio Pastorale fu inaugurato il successivo 4 ottobre in occasione della ricorrenza della dedicazione della nostra parrocchia.
In realtà il "nuovo" tabernacolo altro non è che il primo tabernacolo utilizzato, posto nella chiesa già nel 1934 e successivamente rimosso nel 1967 con l'adeguamento dell'altare maggiore secondo le nuove norme liturgiche (adeguamento che oltre alla sostituzione del tabernacolo previde l'abbattimento dell'altare a muro e la realizzazione di un nuovo presbiterio sopraelevato rispetto al livello originario).
Custodito negli armadi della sacrestia fino al 2010, venne posto nuovamente a custodia della Santa Eucarestia nel presbiterio all'interno di una finitura esterna progettata dall'Arch. Emanuele Pozzilli.
Il complesso che ospita il tabernacolo ha una forma riconducibile ad una mandorla, simbolo della Vergine Maria ("Mandorla Mistica") che ha custodito il Cristo nel suo ventre prima della nascita. Il marmo rosso con cui è rivestito simboleggia la fiamma di una candela, segno di Cristo Luce del mondo e del roveto ardente nel quale Dio si manifesta a Mosè (Es. 3,1-6).
La "mandorla" poggia a sua volta su un altro elemento in peperino che simboleggia un trono che accoglie Cristo "Re dell'Universo", ricordando così la sua natura emana e al contempo divina.
La "porta" dorata del tabernacolo all'esterno presenta l'immagine in rilievo dell'Agnello dell'Apocalisse ed al suo interno il simbolo di Gesù Eucarestia con raggi che vanno dall'interno all'esterno.
Internamente, in un contesto con base dorata, troviamo altre decorazioni che rappresentano volti di angeli e grappoli di uva, con dei cordoni che fanno da cornice intorno ai lati delle pareti.

 
 


Parrocchia di S. Ippolito Martire - Via di S. Ippolito, 56 - 00162 Roma - Tel. 0644232891 - Fax 0644233294 - parrocchia@santippolito.org
 
Best view 1024 x 768   -   Copyright © 2000 Parrocchia Sant'Ippolito Martire